Road to Sziget 2017 – Chapter 4: Győr – Esztergom (117 km)

08/08/2017 – Partiamo di buon’ora in una bella ma calda giornata di sole. E’ la tappa più lunga del nostro viaggio e cerchiamo di ottimizzare i tempi, a partire dalla colazione (non senza malumori tra le truppe).

Uscire da Győr è semplicissimo: ad ogni svincolo troviamo delle frecce disegnate a terra che indicano la direzione corretta. In pochi minuti usciamo dal centro abitato per immergerci nella campagna ungherese.

Questa parte del percorso si sviluppa in parte su ciclabile e in parte su strade secondarie a basso traffico. Ci sono un po’ di saliscendi, alcuni tratti sterrati molto divertenti, qualche curva in più… apprezziamo questa briosa varietà e procediamo rapidi.

A causa di un’inconveniente al campo mobile (localizzato a Bratislava) veniamo pesantemente ritardati. Non entriamo nel dettaglio del problema, ma perdiamo circa 1 ora e 30 minuti.


I nostri eroi alle prese con il problema…

Cerchiamo di ottimizzare con un pranzo al sacco (panini e salame ungherese acquistati al supermarket). Durante la pausa pranzo facciamo amicizia con due cicloturisti milanesi, con cui scambiamo volentieri aneddoti di viaggio e battute a due ruote.

Arriviamo quindi a Komarno / Komarom, città slovacco-ungherese, separata dal Danubio.

Non c’è molto da vedere, e siamo anche in ritardo sulla tabella di marcia, quindi proseguiamo verso Esztergom. Da qui in avanti il percorso della Eurovelo 6 viene a mancare e siamo costretti a pedalare lungo una trafficata strada statale, per giunta funestata da un pessimo fondo asfaltato.
L’umore degli uomini è basso, a causa degli inconvenienti e della mancanza di poesia di questo tratto.

Verso il finale di tappa ricompare la ciclabile e il sorriso. Manca poco all’arrivo e la prospettiva di una birretta scalda gli animi. L’ambito premio arriva poco dopo. Raggiungiamo il centro città e troviamo un bel baretto in piazza, dove possiamo riposarci e dissetarci.

           

Esztergom, in italiano Strigonio, è una tra le città d’interesse storico d’Ungheria. Prima di fermarci riusciamo a passeggiare nella Città Bassa, ricca di edifici barocchi.

           

Le ultime energie della giornata le destiniamo alla salita per arrivare alla Cittadella, dove possiamo ammirare l’imponente Cattedrale di Nostra Signora e di Sant’Adalberto simbolo della città che misura 118 metri per 49 metri, con una cupola di 33 metri di diametro e 71 d’altezza con 24 colonne, la facciata con 8 colonne alte 21 metri (grazie Wikipedia).

Lo sforzo patito per salire (la salita è discretamente ripida) viene però ricompensato da una superba vista sul Danubio alla luce del tramonto.

       

Nota di merito all’ottima cena a base di specialità ungheresi presso un ristorante dall’evocativo nome Mediterraneo. Troveremo qui anche i nostri amici milanesi, con cui condivideremo una meritatissima birra.

Bellissima e suggestiva, in particolare di notte, la vista dal ponte che unisce Strigonio alla sua corrispettiva slovacca.

Lasciato il nostro Spider Man a vigilare sulla città, ci prepariamo per la tappa finale

<Road to Sziget – Chapter 5: Esztergom – Budapest>

Potrebbe interessarti anche:

Bikelanders.com is born!

Nasce il sito dei Bikelanders. Siamo amici, ciclisti (quantomeno ci proviamo!) e amanti...

Il Logo Bikelanders

Per dare un volto nuovo e più solenne al gruppo, abbiamo pensato oltre al sito web e ai...

Umbria 2016 – Un breve...

Ponte lungo quello del 2 Giugno 2016, che ci vede affrontare una tra le più belle vie...

Il trailer ufficiale di...

Ci siamo, lo aspettavamo tutti da anni ormai: il video-racconto delle avventure dei...

Parco del Roccolo e Alto...

Ovvero: come divertirsi senza allontanarsi troppo da casa. Anche durante il weekend gli...

Legnanonews –...

Un doveroso ringraziamento alla Redazione del portale di riferimento per tutti gli...

Leave a Comments